Cerca nel titolo, nel sottotitolo, scrivi la testata o cerca nel testo

Data di pubblicazione

-

Industria 4.0: Federmeccanica, Federmanager e Fondirigenti lanciano "Ricomincio da...4"

  • 23 Novembre 2017 |
  • dimensione font
  • Stampa

Al via la piattaforma online dedicata a manager e imprenditori per accrescere le competenze in campo 4.0

Roma, 7 novembre 2017 – La digitalizzazione, l’automazione, le nuove tecnologie cambiano le imprese e il lavoro. In questa trasformazione – parola che in sé ha il concetto della transizione unita alla formazione – una delle sfide più importanti consiste nel diffondere correttamente la cultura dell’innovazione.

Per sfatare i falsi miti sui pericoli, costi e difficoltà dell'industria 4.0, aumentare la conoscenza e la propensione ad investire in tecnologie e competenze abilitanti, Federmeccanica e Federmanager - grazie al finanziamento di Fondirigenti - promuovono “Ricomincio da…4”, un progetto di In-Formazione online rivolto a imprenditori, manager e dirigenti d’azienda interessati non solamente alle nuove tecnologie ma anche ai modelli organizzativi innovativi e agli strumenti finanziari a disposizione per metterli in pratica.

Attraverso una piattaforma web dedicata (www.ricomincioda4.fondirigenti.it) accessibile gratuitamente, imprenditori e dirigenti potranno fruire dei contenuti in-formativi proposti attraverso sei moduli. Ogni modulo sarà articolato in tre macro aree tematiche: TECNOLOGIE, COMPETENZE E ORGANIZZAZIONE, STRUMENTI FINANZIARI.
In ogni sezione si potranno trovare riferimenti ad articoli, libri, pubblicazioni scientifiche, descrizione di business case anche attraverso interviste video e approfondimenti sugli strumenti finanziari in materia. Il progetto prevede anche un’indagine di rilevazione, con la quale sarà possibile monitorare lo stato di innovazione delle imprese e dei modelli organizzativi a seguito dell’avvio del Piano Industria 4.0, nonché visite presso aziende particolarmente innovative, dove si potrà toccare con mano il cambiamento della Fabbrica 4.0.

«Industria 4.0 – dichiara Alberto Dal Poz, Presidente di Federmeccanica - è un processo evolutivo, graduale e incrementale che necessita di persone adeguatamente preparate affinché se ne ricavi il massimo valore. E’ quindi cruciale, a completamento dell’investimento fatto in tecnologie abilitanti, puntare con forza sulla formazione per fornire competitività all’impresa e occupabilità alle persone. Il tema delle competenze è dunque oggi lo scoglio più grande che le aziende devono superare ed è per questo che abbiamo deciso di offrire agli imprenditori metalmeccanici una in-formazione agile, facilmente fruibili e a 360 gradi rispetto a tutti i temi che compongono il 4.0.»

«E’ necessario favorire il percorso verso una connotazione più  manageriale del tessuto produttivo - sostiene Stefano Cuzzilla, Presidente Federmanager -. Penso a quel 60% di Pmi, più volte citato dal ministro Calenda, protese verso l’innovazione ma che necessitano di essere sostenute con l’inserimento di competenze qualificate. Il progetto messo a punto da Federmeccanica e Federmanager va proprio in questa direzione: la formazione, grazie all’intervento di Fondirigenti, rafforzerà le competenze digitali e, soprattutto, consentirà di sviluppare quelle “soft skills” essenziali per governare i nuovi modelli aziendali e i nuovi processi produttivi».

«La nostra Fondazione – dichiara Carlo Poledrini, Presidente di Fondirigenti – supporta i processi di innovazione delle imprese e del management attraverso la diffusione di una maggiore consapevolezza dell’importanza della cultura digitale per fronteggiare le sfide originate dalla quarta rivoluzione industriale. Per questo nell’ultimo anno, in coerenza con il Piano Nazionale Industria 4.0, oltre ad aver investito 16 milioni di Euro in azioni di sviluppo delle competenze manageriali, abbiamo stanziato 2,7milioni di Euro in iniziative strategiche – tra le quali rientra il progetto “Ricomincio da … 4” – finalizzate a rafforzare le condizioni di sistema per una maggiore awareness di imprese e dirigenti sul digitale. I risultati di queste iniziative, oltre a consentire l’innovazione del tessuto produttivo, permetteranno al Fondo di raccogliere dati e informazioni per la messa a punto delle future attività di sviluppo».

Torna in alto